Law & Order: Unità Speciale

Titolo originale: Law & Order: Special Victims Unit

share
Poster
VOTO DEL PUBBLICO
Grazie del tuo voto
VOTO COMINGSOON
VALUTAZIONE

3.98 di 5 su 124 voti

L’Unità Vittime Speciali è una squadra d'élite del Dipartimento di Polizia di New York specializzata in crimini di natura sessuale. Il detective Elliot Stabler, un veterano che nella sua carriera ha visto di tutto, e la detective Olivia Benson, la quale ha scelto questo mestiere dopo essere stata per prima la vittima di uno stupro, sono le due colonne portanti dell’unità, anche se entrambi rispondono a Donald Cragen, il loro capitano, un uomo il cui approccio duro ha permesso alla squadra di poter affrontare delle sfide sempre più difficili.


Guarda su Infinity

CURIOSITÀ:

Law & Order: Unità Speciale è il primo spin-off generato dal celebre legal drama Law & Order trasmesso dalla NBC per venti stagioni. Ancora una volta la firma è di Dick Wolf, che inventò il franchise nel 1990. A ispirare il progetto fu un caso del 1986, l’omicidio per strangolamento di Jennifer Levin commesso da Robert Chambers a Central Park, Manhattan, dopo una “sveltina”. La tragica storia ispirò il quarto episodio della prima stagione di Law & Order, ma dopo la sua realizzazione, Wolf cominciò a essere ossessionato dall’idea di uno show capace di andare più a fondo nelle dinamiche dei crimini di natura sessuale. Questo spiega perché, prima del debutto in tv, la serie era conosciuta con il titolo Sex Crimes, al quale fu aggiunto poco tempo dopo “Law & Order” così da permetterle di beneficiare del successo che stava già ottenendo la serie originale. Tuttavia, Barry Diller, l’allora capo degli Studios USA, esternò la sua preoccupazione per il titolo, motivo per il quale quest’ultimo subì una nuova trasformazione, assumendo la forma attuale - Law & Order: Special Victims Unit (Law & Order: SVU nella forma abbreviata) - riprendendo il nome della squadra del Dipartimento di Polizia di New York specializzata in reati a sfondo sessuale.

Molte delle scene esterne di Law & Order: Unità Speciale sono state girate realmente a New York City, la città natale di Dick Wolf. A causa dell’incapacità di trovare uno studio sufficientemente grande, le scene in interni sono state girate invece in un grande capannone situato nei pressi di North Bergen, nel New Jersey. Questo fino al 2010, quando la produzione lasciò definitivamente il New Jersey, privilegiando New York City e il Queens a causa della sospensione delle imposte di credito per la produzione cinematografica e televisiva.

Dopo una lunga fase di casting, sette furono gli attori rimasti in lizza per i due ruoli principali. Per il ruolo della detective Olivia Benson, i produttori avevano selezionato, oltre alla vincente Mariska Hargitay, le attrici Samantha Mathis e Reiko Aylesworth. Per il ruolo del detective Elliot Stabler, invece, i finalisti erano Tim Matheson, John Slattery, Nick Chinlund, e il vincente Christopher Meloni. Dann Florek ottenne il ruolo del capitano Donald Cragen senza doversi sottoporre a un provino dal momento che aveva già recitato in Law & Order, mentre il ruolo di Richard Belzer è identico a quello da lui interpretato nella serie Homicide, cancellata poco tempo prima il debutto di SVU. Fu Belzer poi a suggerire il nome dell’attore Dean Winters per il ruolo del suo partner, anche se il personaggio apparve solo in pochi episodi, favorendo un maggiore coinvolgimento di Michelle Hurd, a sua volta sostituita da Ice-T.

Nel 2006, Stephanie March, interprete per tre stagioni del sostituto procuratore Alexandra Cabot, si unì alla serie tv Conviction (conosciuta anche con il titolo Sex & Law) mantenendo il ruolo di SVU. La serie durò solo 13 episodi e può considerarsi il quinto spin-off di Law & Order. Fu la NBC a scegliere di non includere “Law & Order” nel titolo, sperando di attirare un pubblico diverso da quello che già seguiva il franchise.

Come per le altre serie del franchise (eccetto Law & Order: LA), ogni episodio di Law & Order: Unità Speciale è introdotto da un breve monologo recitato da Steven Zirnkilton: “Nel sistema giudiziario statunitense, i reati a sfondo sessuale sono considerati particolarmente esecrabili. A New York opera l’Unità Vittime Speciali, una squadra di detective specializzati che indaga su questi crimini perversi. Ecco le loro storie”.

La serie ha ricevuto numerosi riconoscimenti nel costo della sua storia ultra decennale, tra cui un Golden Globe (a Mariska Hargitay come miglior attrice in una serie drammatica) e numerosi Emmy. A vincere il premio più importante della tv americana sono state soprattutto le guest star, tra cui Ann-Margret, Ellen Burstyn, Cynthia Nixon e Leslie Caron. Hargitay ha ricevuto puntualmente la nomination come migliore attrice in una serie drammatica, ma finora ha vinto l’Emmy solo nel 2006.

Lascia un Commento
Lascia un Commento